L’andamento di una composizione musicale procede formando una linea di percorso che costituisce un discorso. L’ordine del discorso ha una sintassi, un lessico, una direzione di senso. Nel caso della musica polifonica, il discorso è dialogico: più voci si rispondono, propongono nuovi argomenti, variano tematiche già ascoltate, approfondiscono e indagano. La direzione di senso non è qui precostituita, ma si genera dallo scambio fra le linee melodiche.

Riflessologia discorso musicale

Il discorso musicale si attua in parallelo quando il lavoro sul piede è condotto in guisa simile a quanto avviene tra le voci di una composizione: diversamente da quanto avviene nel caso di massaggio del piede, in un trattamento le manovre/azioni in sequenza – effettuate dalle mani e dalle singole dita – costituiscono un discorso il cui senso/direzione/meta si delinea nel suo farsi. Nulla vi è di prescritto e stabilito dall’inizio

Questa dimensione di àlea rappresenta la libertà di indagine che sfugge agli schemi generali, alle “mappe” che organizzano il piede per punti, zone e successioni ordinate di manovre. Seguire meccanicamente mappe non offre particolari opportunità di conoscenza, e anche le risultanze negli effetti di riequilibrio e omeostasi dei sistemi del corpo sono di molto ridotte a fronte di quanto può conseguirsi affrontando il dialogo mani/piede con spirito musicale, là dove schemi precostituiti rappresentano appunto mappe (ovvero ottiche, prospettive ideali) ma non il territorio nella sua “realtà”.

E’ soltanto con questo spirito libero “improvvisativo” di indagine (riconoscendo di volta in volta quanto ha da dire il piede) che il piede si manifesta ogni volta con il fascino di una visione nuova: cade la mente condizionata e l’esperienza degli altri piedi già indagati sostiene la capacità di ascolto e comprensione delle mani, ma senza prevaricare la scoperta delle sottigliezze del disegno che il discorso del trattamento fa emergere. Il piede diventa come tridimensionale, dà l’emozione della prima volta, la mente non lo incasella nel serbatoio del già visto, che già si conosce e che per questo non dà più emozione. 

All’attualità irripetibile di queste linee sottili si può corrispondere con le mani in modo da sconfiggere l’estrema solitudine del sintomo, la quale rappresenta il guardiano della soglia oltre cui si scorge l’intrico di radici ove si può dipanare una linea essenziale, che esegue la melodia più armonica per il tronco e la chioma dell’albero metafora del corpo del ricevente.

 

 

Roberto Ellero
Operatore olistico di riflessologia plantare taoista musicale. L'esperienza di vita è unica, individuale. Ma d'altra parte si usa parlare di metodi di riflessologia plantare. Per praticità, definisco il mio rapporto col piede come metodo di riflessologia plantare musicale. Coincide col mio dharma. Esso deriva dall’integrazione interiore alchemica di vari strumenti di indagine, con cui ho ampliato la mia coscienza e sensibilità, ne riporto alcuni: la pratica esecutiva e di ascolto nella musica colta occidentale, studi letterari e filosofici, l’utilizzo autoriale del Web e della multimedialità per approfondire le sinestesie, la pratica del tango argentino, la pratica devozionale tantrica di mano destra Guru Yoga nel buddhismo tibetano Karma Kagyu, la pratica tantrica di mano sinistra del trattamento taoista del piede. E' un metodo, ma funziona solo con le mie mani.