I massaggi di venti minuti che eseguo durante le serate di tango per i piedi delle ballerine non hanno ovviamente la stessa valenza dei trattamenti di riflessologia plantare, della durata di un’ora o poco più, ma rappresentano un’occasione di immediato beneficio per i piedi delle tanghere, sottoposti a notevoli sforzi e pressioni nella pratica di ballo.
I piedi sono per la ballerina come le mani per il musicista: il tango argentino è una disciplina artistica che richiede grande impegno, ore e ore di allenamento, e che pone sotto stress i piedi delle ballerine, nei sandali con tacco alto che scaricano il peso del corpo sul metatarso. Con un tacco di 7 cm. la percentuale di peso che i metatarsi devono accettare è già raddoppiata rispetto a una scarpa classica.
La pratica del tango argentino appare elegante e lieve, ma quest’arte esercita una straordinaria richiesta funzionale sul corpo, in particolare sui piedi, costretti a un continuo rimodellamento e usura. E’ importante mantenerli il più possibile e più a lungo in salute.

I piedi delle ballerine sono soggetti a traumi e infortuni, tendiniti, fasciti, metatarsalgie, microfratture, alluce valgo, vesciche, arrossamenti, calli e ispessimenti, onicopatie, talalgie, dita a martello.

È fondamentale prendersi cura dei piedi, allenarsi per rinforzare il tono muscolare del piede, le caviglie e le ginocchia, sfruttare i benefici di massaggi specifici per i piedi.

Fotografie di tango e massaggi a villa Widmann di Mira, 7-1-2023. Set attiguo alla sala da ballo nella villa, massaggi di circa 20 minuti per le ballerine di tango nel corso della milonga.

Clicca le fotografie per ingrandirle.

Roberto Ellero
Operatore olistico di riflessologia plantare taoista musicale. L'esperienza di vita è unica, individuale. Ma d'altra parte si usa parlare di metodi di riflessologia plantare. Per praticità, definisco il mio rapporto col piede come metodo di riflessologia plantare musicale. Coincide col mio dharma. Esso deriva dall’integrazione interiore alchemica di vari strumenti di indagine, con cui ho ampliato la mia coscienza e sensibilità, ne riporto alcuni: la pratica esecutiva e di ascolto nella musica colta occidentale, studi letterari e filosofici, l’utilizzo autoriale del Web e della multimedialità per approfondire le sinestesie, la pratica del tango argentino, la pratica devozionale tantrica di mano destra Guru Yoga nel buddhismo tibetano Karma Kagyu, la pratica tantrica di mano sinistra del trattamento taoista del piede. E' un metodo, ma funziona solo con le mie mani.